mercoledì 23 maggio 2012

FB Facebook sempre più giù

Il titolo FB al Nasdaq registra l'ennesimo crollo: le azioni del social network Facebook perdono valore sui mercati e sembra che la causa principale sia duplice. Da una parte la sopravvalutazione iniziale di 38 dollari è sembrata eccessiva rispetto al valore reale del titolo, e tale errore è da imputarsi unicamente alla Morgan Stanley che ha sbagliato l'alchimia tra domanda ed offerta, magari fuorviata dagli investitori. Altro problema, i bilanci: un social network con 900 milioni di utenti e che ha ricavi ridotti all'osso è destinato a morire. Le alternative sono due:
  1. offrire servizi specifici a pagamento, e ciò comporterebbe un allontanamento di buona parte delle utenze (chi di voi continuerebbe ad utilizzare Facebook a pagamento quando sul web esistono centinaia di social network analoghi e gratuiti?)
  2. aumentare la pubblicità sul network e, magari anche al di fuori di esso. In ogni caso, comporterebbe un certo grado di fastidio tra gli utenti con conseguenti inevitabili abbandoni.
E' questo il grosso problema di Facebook: ai mirabolanti numeri di utenze registrate fa da contraltare un bilancio da incubo. E non sempre popolarità e ricchezza vanno a braccetto, anzi!

Nessun commento:

Posta un commento